Photorevolt.com
[RM] La fotografia incontra la letteratura
Inserita il 02.03.2014 da SteO, nella categoria Eventi

Inaugura il 13 marzo, nell'ambito di Libri Come, presso i foyer dell'Auditorium Parco della Musica di Roma la mostra Scrittori. La fotografia incontra la letteratura.

La mostra, un progetto di Contrasto realizzato in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma, presenta ventisette ritratti di grandi dimensioni dei maggiori scrittori internazionali del Novecento, scattati da grandi fotografi.

In visione fino al 21 aprile, la mostra è un'occasione per ripensare ai legami tra letteratura e immagine, per dare corpo e visione alla scrittura e ai suoi principali interpreti. Ogni ritratto, intenso, penetrante, spesso celebre o magari insolito, è accompagnato da una citazione dell'autore fotografato.

La mostra è un progetto realizzato a partire da Scrittori, il libro a cura di Goffredo Fofi pubblicato da Contrasto: una selezione di 250 ritratti di scrittori, dai primi del Novecento ad oggi realizzati da grandi fotografi e commentanti in altrettanti testi originali. La selezione degli scrittori è di Goffredo Fofi, la ricerca iconografica di Franca de Bartolomeis.


Nei casi più belli, è accaduto che gli scrittori – ma non solo loro, è ovvio – abbiano scoperto qualcosa di sé che ignoravano, o su cui non avevano abbastanza riflettuto, nell'immagine che di loro ha dato un fotografo che sapeva vedere. Per questo, molte delle fotografie del volume ci permettono di capire meglio e di più non solo chi era uno scrittore che ci è caro (o che detestiamo, perché no?) ma anche la misura delle sue opere, quanto dei suoi rovelli vi si è trasferito. Quanti grandi scrittori – o scrittori che hanno lasciato il segno! E quanti grandi fotografi – che hanno saputo guardarli, capirli, e consegnarli alla storia o, più semplicemente, alla nostra curiosità e al nostro ricordo.

Goffredo Fofi

www.contrasto.it - www.contrastobooks.com


Lo diresti al tuo idraulico?
Inserita il 02.03.2014 da SteO, nella categoria Generale



Dal blog di Adolfo Trinca.


[LU] Seravezza Fotografia: all'UNA Hotel Versilia gli scatti surrealisti...
Inserita il 26.02.2014 da SteO, nella categoria Mostre

una-certa-idea-di-sogno-e-di-viaggio
Si inaugura domani giovedì 27 febbraio alle ore 18 presso l'UNA Hotel Versilia, via Sergio Bernardini 335 a Lido di Camaiore ( Lu), la mostra fotografica di Bart Herreman "UNA certa idea di sogno e di viaggio" organizzata nell'ambito dell'undicesima edizione di Seravezza Fotografia.

Perfettamente integrate nei locali dell'hotel fino al 21 aprile, si potranno ammirare 6 grandi immagini che fanno parte della collezione permanente di Seravezza Fotografia realizzate da Bart Herreman, fotografo belga ma che vive e lavora a Milano, protagonista della passata edizione della rassegna con la mostra "Esefossevero".

I lavori di Herreman sono tutti all'insegna della fantasia e del surrealismo con animali e personaggi rappresentati in luoghi improbabili e in momenti quotidiani creati grazie all'uso della tecnologia digitale, per primo Photoshop. Nelle sue fotografie predomina il rapporto tra animale e ambiente e dove la figura umana è ora sovrastata da animali divenuti improvvisamente giganti come elefanti, giraffe, zebre e animali domestici e tutto sembra straordinariamente credibile. Un viaggio infinito fatto di visioni spontanee, unite da una genuina vena ironica dove in ogni composizione c'è sempre qualcosa di sorprendente e affascinante. La mostra è ad ingresso libero.

...continua


[TO] Cute4Congo: a light in the shadow
Inserita il 26.02.2014 da SteO, nella categoria Mostre

cute4congo
Inaugurerà il 15 aprile presso la Galleria d'Arte Paola Meliga di Torino la mostra fotografica "#Cute4Congo, a light in the shadow". Venti scatti dei fotografi Sarah Scaparone e Thorsten Stobbe per raccontare la missione umanitaria che Cute Project ha svolto a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, nel mese di dicembre 2013.

Cute Project, organizzazione no profit di volontariato in Chirurgia Plastica Ricostruttiva di Torino, ha lavorato presso l'Ospedale Universitario di Kinshasa dal 29 novembre al 14 dicembre 2013 realizzando 57 interventi di chirurgia plastica ricostruttiva su bambini affetti da ustioni gravi e invalidanti e ha tenuto corsi di formazione a medici locali, chirurghi e infermieri.

Lo scopo della mostra, realizzata grazie al supporto della Galleria d'Arte Paola Meliga, con il sostegno dell'azienda vercellese gliAironi Risi&Co., del Centro di Medicina Multispecialistica Examina di Torino e del Gruppo Grafico Editoriale G. Canale & C. di Torino, è quello di documentare l'attività di volontariato che ha avuto luogo a Kinshasa e di raccogliere, attraverso le donazioni ricevute durante lo svolgersi della mostra, fondi per le nuove missioni.

...continua


[MO] Ultimi giorni per iscriversi al master di Fondazione Fotografia
Inserita il 26.02.2014 da SteO, nella categoria Corsi

fondazione-fotografia
Ultimi giorni per chi vuole provare a candidarsi per il posto a riduzione totale della quota di iscrizione al master biennale di alta formazione sull'immagine contemporanea.

Tra le forme di sostegno che Fondazione Fotografia riserva quest'anno ai nuovi iscritti, la riduzione del 25% per chi manda la sua candidatura per il nuovo biennio - in partenza ad ottobre - entro il 28 febbraio. Tutte le informazioni, le modalità di iscrizione e le scadenze sono riportate sulla pagina dedicata del nostro sito web.


[MI] Omaggio a Milano, In mezzo alla città, luci nella città
Inserita il 26.02.2014 da SteO, nella categoria Mostre

OMAGGIO A MILANO
In mezzo alla città – Luci nella città

Dove: Ex Fornace, Alzaia Naviglio Pavese n°16 Milano
Orari: tutti i giorni compresi festivi 10.00 – 13.00 / 15.30 – 19.30
Inaugurazione: Venerdì 28 febbraio 2014, ore 18.00 – 21.00
Ingresso: libero

'Omaggio a Milano' nasce come una doppia mostra o se preferite, come una mostra sperimentale. Centrale è il ruolo dello sdoppiamento.
Due mostre in una: Luci nella città e In mezzo alla città.

Due sguardi, due piani di lettura, due percorsi di esplorazione della città. Due voci per certi aspetti contrapposte: la fotografia carica di ritratti del passato della nostra città, in bianco e nero offertaci dal prezioso archivio di scatti custodito dalla Fondazione Aem e la pittura di Andrea Ferrari Bordogna che affida al tratto ma più ancora al colore la trasfigurazione dei luoghi scelti in una città che è sicuramente Milano; città (apparentemente) conosciuta nei suoi spazi che torna a noi come sospesa in un tempo non definito.

Milano, con le sue contraddizioni ma insieme con la sua forza, la sua energia, il suo fascino, il suo 'positivo'. 'Omaggio a Milano' introduce due chiavi possibili di accesso alla città e, tra questi racconti, propone un incontro, un avvicinamento, un confronto nella convinzione che da questi accostamenti nasce, imprevedibile, il nuovo.

www.fondazioneaem.it


Nikon D4S, la nuova ammiraglia sale a ISO 409.600 ed ha un autofocus da gara!
Inserita il 26.02.2014 da SteO, nella categoria Fotocamere

nikon-d4s
Comunicato stampa: Nital S.p.A. è lieta di presentare la nuova ammiraglia Nikon D4S, caratterizzata da un sensore formato FX da 16,2 megapixel e pensata per i professionisti che vogliono solo il meglio.

Destinata a diventare uno dei più innovativi strumenti fotografici al mondo, la potente Nikon D4S prende il posto dell'apprezzatissima D4 per garantire immagini ancor più eccezionali ed una velocità di esecuzione semplicemente incredibile. Grazie ad un intervallo ISO molto ampio e al processore di elaborazione immagini Nikon EXPEED 4, la D4S permette di ottenere immagini perfette anche in condizioni di scarsa o quasi totalmente assente illuminazione. I miglioramenti apportati alle prestazioni autofocus garantiscono un'acquisizione e un inseguimento di tracking più precisi, anche a 11fps, oltre ad un controllo più accurato sull'area AF grazie al nuovo modo Area AF a gruppo. Il formato di file RAW S di Nikon consente un trasferimento delle immagini più rapido in rete, mentre la porta Ethernet Gigabit 100/1000TX garantisce una connessione ultrarapida.

Nikon dichiara: "Progettata sulla base dello straordinario successo della D4, la D4S definisce un nuovo livello di prestazioni. Dando seguito alle preziose indicazioni fornite dai fotografi professionisti, gli ingegneri Nikon hanno implementato moltissimi miglioramenti di cui beneficeranno soprattutto i fotografi operanti in campo sportivo e naturalistico o del fotogiornalismo. La D4S permette di essere sempre un clic avanti agli altri e si propone come mezzo espressivo di altissimo livello e capace di essere all'altezza della creatività di ogni fotografo".

...continua


Stockimo, l'app per caricare foto su Alamy direttamente da iPhone
Inserita il 23.02.2014 da SteO, nella categoria Software

Alamy offre da sempre una buona piattaforma per guadagnare con le proprie foto, nei giorni scorsi ha rilasciato un app per iOS denominata Stockimo che permette a tutti i possessori di iPhone (o almeno da chi ha il 4s in su) di caricare e mettere in vendita foto in qualsiasi momento, direttamente dal melafonino.

Senza dubbio un'opportunità interessante, durante l'arco della giornata non mancano le occasioni per uno scatto fugace che potrebbe trasformarsi in contante!

www.alamy.com


WPP: La Foto dell'anno 2013 è dell'americano John Stanmeyer
Inserita il 23.02.2014 da SteO, nella categoria Eventi

wpp2013-signal
Fotografia e giornalismo: le immagini premiate nel 2014. Annunciati oggi ad Amsterdam i vincitori del più prestigioso premio di fotogiornalismo
il World Press Photo.

L'immagine mostra dei migranti africani sulla spiaggia di Djibouti nel tentativo di prendere un segnale gratuito dalla confinante Somalia – un collegamento con i parenti lontani. Djibouti è una tappa consueta per i migranti in transito da paesi come la Somalia, l'Etiopia e l'Eritrea, in cerca di una vita migliore in Europa e in Medio Oriente.

Jillian Edelstein, membro della giuria, ha così commentato l'immagine vincitrice: "È una foto collegata a tante altre storie – apre la discussione sui temi della tecnologia, della globalizzazione, dell'emigrazione, della povertà, della disperazione, dell'alienazione e dell'umanità. Si tratta un'immagine molto sofisticata, potentemente sfumata. È così sottilmente realizzata e in modo così poetico, sebbene sia piena di significato, da trasmettere questioni di grande gravità e preoccupazione nel mondo di oggi."

Quest'anno sono tre i fotografi italiani vincitori: Bruno D'Amicis, Alessandro Penso e Gianluca Panella

L'atteso appuntamento con la mostra World Press Photo 2014 è previsto per il 30 aprile 2014 a Roma presso il Museo di Roma in Trastevere.
La mostra resterà aperta fino al 25 maggio 2014.

Il libro in Italia è pubblicato da Contrasto.

Il Premio World Press Photo è uno dei più importanti riconoscimenti nell'ambito del Fotogiornalismo. Ogni anno, da 57 anni, una giuria indipendente, formata da esperti internazionali, è chiamata a esprimersi su migliaia di domande di partecipazione provenienti da tutto il mondo, inviate alla World Press Photo Foundation di Amsterdam da fotogiornalisti, agenzie, quotidiani e riviste. Tutta la produzione internazionale viene esaminata e le foto premiate che costituiscono la mostra sono pubblicate nel libro che l'accompagna. Si tratta quindi di un'occasione per vedere le immagini più belle e rappresentative che, per un anno intero, hanno accompagnato, documentato e illustrato gli avvenimenti del nostro tempo sui giornali di tutto il mondo.

www.contrasto.it
www.worldpressphoto.org
www.contrastobooks.com


[BO] Workshop fotografico "Being Involved" con Michael Ackerman
Inserita il 23.02.2014 da SteO, nella categoria Workshop

spazio-labo
Tre giorni interi a disposizione per lavorare con una delle più interessanti personalità della fotografia internazionale: Michael Ackerman, un artista che ha sempre posto al centro dei suoi lavori una particolare attenzione per l'introspezione e il profondo legame con i soggetti. Le sue immagini ci mostrano una visione del mondo estremamente personale e ricca di emozioni: l'amore, la paura, l'ansia, l'ossessione.

La sua è una fotografia introspettiva che riflette passione, dubbi e angosce. Come docente, Ackerman inizia solitamente ad analizzare i progetti che gli vengono presentati partendo da domande come: quali sono le tue ossessioni? Che domande ti poni? Questo per cercare di arrivare a una concezione della fotografia che trascenda generi, stili e riferimenti autoriali per andare direttamente alla rivelazione di cosa significa fotografare per chi lo fa, quali sono le ragioni, quali le pulsioni profonde. Una fotografia che riveli cosa vuol dire "essere vivi", sia per il fotografo che per la vita fotografata.

Parlando di alcuni dei suoi progetti, delle esperienze legate alla loro realizzazione e del suo metodo unico di lavoro, Ackerman aiuterà i partecipanti a definire e a portare avanti i loro progetti o le loro idee esplorandoli in profondità, ma soprattutto aiuterà ad analizzare la personalità fotografica di ognuno. Sarà un workshop ricco di stimoli in cui si indagherà sulle proprie certezze e insicurezze, sulle proprie ossessioni e sui dubbi che ne derivano, e si cercherà di dare una traduzione fotografica della personalità di ognuno.

Info:
"Being Involved", Workshop con Michael Ackerman
dal 31 Maggio al 2 Giugno 2014
presso Spazio Labo' - Centro di Fotografia,
Via Frassinago 43/2 (Bologna)

Costo:
Euro 350 > prezzo intero
Euro 320 > prezzo promozionale per chi si iscrive entro il 1 aprile 2014
Euro 300 > sconto under 26/studente Spazio Labo' (per chi ha già frequentato un corso/workshop presso Spazio Labo')

La partecipazione al workshop è riservata ai soci di Spazio Labo'.
Il workshop è in lingua INGLESE. Se necessario sarà disponibile un traduttore.
Per maggiori informazioni sul workshop: www.spaziolabo.it/workshop/workshop-con-michael-ackerman/